Team | Soci

Il partner pubblico

L’Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS)
Nel suo settore di competenza – che comprende l’AVS, l’assicurazione invalidità, le prestazioni complementari, la previdenza professionale (casse pensioni), l’indennità di perdita di guadagno per chi presta servizio e in caso di maternità, nonché gli assegni familiari – l’UFAS garantisce la cura e il costante aggiornamento alle nuove sfide della rete di assicurazioni sociali. L’UFAS è inoltre competente a livello federale per i settori della famiglia, dell’infanzia, della gioventù e della vecchiaia, per i rapporti intergenerazionali e per le questioni generali di politica sociale.

L’UFAS vanta un’esperienza pluriennale nel campo dell’infanzia e della gioventù e dispone di un’eccellente rete di contatti nel settore della protezione dell’infanzia in Svizzera, che va dai cantoni fino alle ONG. L’UFAS ha a disposizione un credito per le attività a favore della protezione e dei diritti dell’infanzia. Con mandati di prestazioni sostiene così organizzazioni attive a livello nazionale nel campo della protezione dell’infanzia; inoltre si occupa di coordinare l’applicazione della Convenzione ONU sui diritti del fanciullo e di farla conoscere meglio. L’UFAS è stato incaricato di mettere in pratica, entro il 2015 e in collaborazione con diversi partner, i due programmi di protezione della gioventù concernenti la prevenzione della violenza giovanile e la protezione dei giovani dai rischi dei media.

Links: Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS)Giovani e violenzaGiovani e media

I due partner privati
I due partner privati sono le più importanti fondazioni del nostro Paese nel campo della promozione della protezione dell’infanzia. Entrambe le fondazioni vantano un’esperienza pluriennale in questo settore e dispongono di vaste reti nazionali e internazionali.

Oak Foundation 
L’Oak Foundation è stata costituita nel 1998 a Ginevra. I suoi primi programmi internazionali erano incentrati nei settori «Environment» (l’ambiente) e «Child Abuse» (i maltrattamenti infantili). Con il passar degli anni si sono aggiunti nuovi settori di interesse a livello internazionale, come «Housing & Homelessness» (l’aiuto ai senza tetto), «International Human Rights» (i diritti umani), «Issues Affecting Women» (le questioni femminili), «Learning Differences» (le differenze nell’apprendimento) e «Special interests» (gli interessi speciali). La fondazione ha inoltre in corso due programmi nazionali in Danimarca e nello Zimbabwe.

Oltre a Ginevra, dove ha la sua sede principale, la fondazione dispone di rappresentanze in sette altri paesi:  Belize, Bulgaria, Danimarca, Etiopia, Gran Bretagna, Stati Uniti e Zimbabwe.

Nel settore della protezione dell’infanzia, la fondazione vanta un’esperienza pluriennale sia in Svizzera che all’estero. Consapevole del fatto che nessuna forma di violenza si presenta in maniera isolata, essa si concentra in particolare sulla prevenzione dagli abusi sessuali e sullo sfruttamento sessuale dei bambini, ma anche su iniziative che si occupano di altre forme di violenza in qualche modo legate alla violenza sessuale. Il programma «Child Abuse» (i maltrattamenti infantili) sostiene sia progetti internazionali che nazionali in alcuni Paesi prioritari, come la Bulgaria, la Moldavia, l’Etiopia, l’Uganda, la Tanzania e la Svizzera.

Link: Oak Foundation

UBS Optimus Foundation
L’UBS Optimus Foundation è una fondazione di utilità pubblica costituita nel 1999 da UBS. Essa dà la possibilità ai clienti di UBS di impegnarsi, insieme alla banca, per il benessere dei bambini svantaggiati.
La fondazione promuove progetti innovativi e orientati ai bisogni, allo scopo di migliorare la protezione, la formazione e la salute dei bambini.
Dal 2003, la fondazione è attiva anche nel settore della protezione dalla violenza e dagli abusi sessuali. In questo ambito, essa intende affrontare un argomento tuttora tabù promovendo progetti in Svizzera e all’estero sul tema, e contribuendo così a proteggere i bambini dagli abusi sessuali.
In Svizzera hanno destato piuttosto scalpore i risultati pubblicati nella primavera del 2012 dalla fondazione relativi allo Studio Optimus, basato sui dati rappresentativi inerenti i maltrattamenti sui bambini e i giovani nel nostro Paese.

Links: UBS Optimus FoundationOptimus Study

 

 

Comitato direttivo (in carica fine al termine del Fondo)

Ludwig Gärtner, Presidente

Ludwig Gärtner è responsabile dell’Ambito «Famiglia, generazioni e società» dell’Ufficio federale delle assicurazioni sociali, l’unità competente per la politica dell’infanzia e della gioventù, la politica familiare, la politica della vecchiaia e la politica sociale in generale.

In precedenza ha diretto vari progetti nei settori dell’economia della salute e della previdenza per la vecchiaia ed è stato per molti anni responsabile della ricerca dell’UFAS.

Ludwig Gärtner è licenziato in scienze sociali.

Patricia Lannen, Vicepresidente

Patricia Lannen lavora presso l’UBS Optimus Foundation come direttrice dei programmi nel settore della protezione dell’infanzia ed è, tra l’altro, responsabile dello Studio internazionale Optimus sulla vittimizzazione sessuale dei bambini e dei giovani.
In precedenza Patricia Lannen ha lavorato con bambini e adulti nell’ambito delle problematiche psicosociali legate ai tumori presso il Dana Faber Cancer Institute della Harvard Medical School di Boston.
Nel 2008 Patricia Lannen ha conseguito un dottorato in psicologia.

Florence Jacot

Florence Jacot lavora all’Oak Foundation dal 2001, dov’è responsabile del programma «Child Abuse» (maltrattamenti infantili) per la Svizzera.

Dopo un soggiorno di diversi mesi in America centrale, dove ha dato il suo contributo a sostegno dei rifugiati salvadoregni in Messico, ha iniziato la sua carriera all’Ufficio Internazionale Cattolico dell’Infanzia (BICE), occupandosi soprattutto di sviluppare progetti a favore dei bambini di strada, dei bambini lavoratori e, in particolare, dei bambini soldato in Sierra Leone. Sempre per il BICE, ha contribuito all’elaborazione e al monitoraggio dei progetti dedicati ai bambini vittime dello sfruttamento sessuale in India e in Africa. In seguito, il suo percorso l’ha portata alla Fondazione «Dignité en Détention» (DiDé), dove si è soprattutto occupata di sviluppare progetti a favore dei detenuti minorenni. Florence Jacot è titolare di una maturità federale presso la scuola di commercio di Ginevra.

 

Schweizerischer Fonds für Kinderschutzprojekte | Fonds suisse pour des projets de protection de l‘enfance | Fondo svizzero per progetti di protezione dell‘infanzia | CH-8098 Zürich