Linee guida

  • Ogni bambino ha il diritto di essere protetto, indipendentemente dal sesso, dalla confessione, dall’etnia, dalla nazionalità o da altre caratteristiche proprie o dei suoi genitori.
  • Promoviamo e rispettiamo le direttive della Convenzione sui diritti del fanciullo. Dai nostri partner ci aspettiamo lo stesso atteggiamento.
  • Da tutti i nostri partner pretendiamo tolleranza zero per i maltrattamenti infantili e gli abusi sessuali. Nelle proposte di progetto occorre illustrare in che modo i partner garantiscono la protezione dell’infanzia nell’ambito del progetto e della propria organizzazione.
  • Nei casi in cui è praticabile, chiediamo che i bambini e i giovani vengano coinvolti nelle decisioni che li riguardano.
  • La collaborazione con i nostri partner poggia sul rispetto e sulla fiducia, e andrebbe vista, da entrambe le parti, come una possibilità di acquisire nuove conoscenze.
  • Le valutazioni di tutti i progetti che godono del nostro sostegno finanziario forniscono un quadro dell’efficacia delle misure proposte. Le conoscenze acquisite dovrebbero contribuire all’ulteriore sviluppo qualitativo delle attività a favore della prevenzione.
  • I progetti che godono del nostro sostegno finanziario possono avere conseguenze positive, ma anche conseguenze negative inaspettate e involontarie. Il monitoraggio e la valutazione dei progetti dovrebbero tenere conto di tutti questi aspetti («do no harm»).
  • I risultati e le esperienze acquisite andrebbero divulgati e condivisi allo scopo di far avanzare il lavoro di prevenzione nel campo della protezione dell’infanzia.
  • Promoviamo la maggior trasparenza possibile in tutte le nostre attività.

 

Schweizerischer Fonds für Kinderschutzprojekte | Fonds suisse pour des projets de protection de l‘enfance | Fondo svizzero per progetti di protezione dell‘infanzia | CH-8098 Zürich